Oscar 2018: è l’anno del Toro…

Pubblicato il 5 marzo 2018

È l’anno del Toro…e non stiamo parlando del calendario cinese, ma di Guillermo del Toro che ha trionfato nella 90esima notte degli Oscar aggiudicandosi, con La forma dell’acqua – The shape of water, quattro statuette nelle categorie di Miglior Film, Miglior Regia, Migliore Colonna Sonora Originale e Migliore Scenografia. La favola adulta vissuta da due soggetti “diversi”, ma unici ha scaldato i cuori dell’Academy che hanno premiato la pellicola con le due statuette più prestigiose.

A sbaragliare la concorrenza nell’animazione, sempre se ce ne fosse, è il Disney Pixar Coco, che porta a casa anche il premio per la Migliore Canzone “Remember me”. Una storia intrisa di colori, musica, emozioni, colpi di scena e commozione, perché ormai si sa, la Disney non crea solo semplici cartoni animati, ma film d’animazione che si annidano nell’interiorità di grandi e piccini.

Le due statuette dedicate al sonoro (Miglior Sonoro e Miglior Montaggio Sonoro), oltre a Miglior Montaggio vanno a Dunkirk, l’ultima opera di Nolan, che si conferma essere un grandioso regista e un superbo narratore sia di vicende reali che oniriche. Per chi ha vissuto l’esperienza in sala di Dunkirk ha sicuramente apprezzato questa vittoria sonora, soprattutto nelle scene aree con Tom Hardy.

Infine Blade Runner 2049 vince Migliori Effetti Speciali e Migliore Fotografia. Le lunghe inquadrature, la scelta cromatica di alcune scene e l’ambientazione futuristica di questo sequel del cult di fantascienza Blade Runner premiano sicuramente questa pellicola che Villeneuve e il suo staff tecnico hanno riportato in auge nel 2017.

Piccola soddisfazione per la nostra Italia che con il film di Guadagnino, Chiamami col tuo nome, riesce a strappare la Miglior Sceneggiatura non originale.

Il Cineteatro Palladium, unica sala cinematografica della cittadina lecchese, è riuscita ad offrire al proprio pubblico questi film, senza dimenticare i candidati come The Post, La Bella e la Bestia, Star Wars – Gli Ultimi Jedi, Victoria e Abdul e Wonder.

Alla prossima notte delle stelle!